Naso da Cocaina

Scritto da testtest
Categoria: Articoli
su 25 Ottobre 2012
Visite: 6261
naso da cocaina

Naso da Cocaina : riparazione con PRP

L'ampia diffusione della tossicodipendenza da Cocaina comporta moltissimi danni al corpo umano. Ferma restando la piena necessità per i tossicodipendenti di affrontare un programma di disintossicazione adeguato è altresi necessario provvedere a correggere i danni causati dalla droga al proprio corpo.

Sempre maggiore, in tal senso,  è la richiesta per la rigenerazione della mucosa nasale per i danni a seguito di eccessivo uso da cocaina.

L'assunzione della cocaina puo' causare delle alterazioni irreversibili alla mucosa che riveste la cavita' interna del naso.
Purtroppo anche l'uso errato dei decongestionanti del naso porta a danni irreversibili perche' contengono efedrina elemento chimico dell'adrenalina che è un vasocostrittore e causa ischemia e successiva necrosi (distruzione parcellare) della mucosa.

La stessa azione vasocostrittrice della cocaina porta alla conseguente atrofia ( assenza di nutrimento della mucosa del naso) con sanguinamento ed epistassi (sangue dal naso) e formazione di croste. Altro fenomeno è la secchezza delle narici, ipo-osmia (riduzione dell'olfatto ) e possibile presenza di cattivi odori .

 

L'eccessiva azione della cocaina porta nel tempo a danno strutturale della mucosa che poggia sul setto e si causa la perforazione . Oltre alla perforazione andiamo incontro al collasso del terzo medio ed inferiore della piramide nasale con morfologia nasale alterata.

L'uso del PRP piastrine ricche di fattori di crescita, provoca la rigenerazione della mucosa e rallentamento della perforazione del setto nasale. Il PRP è anche un ottimo ausilio per la sindrome di rinite atrofica e naso vuoto.

Il PRP si prepara grazie ad un piccolo prelievo di sangue, successiva processo ematico mediante centrifugazione ed estrazione del siero con piastrine e fattori di crescita. Infine viene inoculato all'interno della mucosa ed attivata la piastrina mediante induzione di un laser fraxato di lunghezza d'onda 1540 mn selettivo per l'acqua. La piastrina si degranula e libera i suoi stimolanti biologici.


Prof.  Ezio Maria Nicodemi
Chirurgia Estetica e Plastica
Accademico American Academy of Cosmetic Surgery Fellow Clinica Pitanguy

Torna su